Home
 
LA MASCHERA DI CERA Il grande labirinto Mellow 2003 ITA

Il rischio era grande. La posta in gioco altrettanta. Dare un seguito adeguato all'incredibile debutto, e a cosý breve distanza da esso, racchiudeva in sÚ due pericoli in qualche modo logici e preventivabili, anche se di segno opposto. Da un lato la tentazione di non modificare di una virgola la formula vincente, cadendo dunque nella ripetitivitÓ; dall'altro il possibile anelito a misurarsi su coordinate del tutto nuove, snaturando per˛ l'essenza di un progetto che, quasi per magia, ha avuto in sÚ il dono di veder posizionati a regola d'arte tutti i tasselli. Evitando tali possibili derive, i timonieri Zuffanti e Macor hanno scelto opportunamente il centro del campo di regata, assecondati dallo stesso equipaggio di base - squadra che vince non si tocca - a cui si sono aggiunti alcuni importanti innesti quali la chitarra di Nick Le Rose, socio di Andrea Monetti, e soprattutto l'oboe di Antonella Trovato, determinante in un paio di occasioni. Zuffanti avverte che "Il grande labirinto non Ŕ un concept come il precedente album ma c'Ŕ un sottile filo conduttore che lega le canzoni: quello della ricerca per liberarsi dalle proprie costrizioni interne o esterne e cercare la propria strada e la propria libertÓ in autonomia e senza condizionamenti di sorta". A ben vedere, la tematica sa molto di "Zarathustra" del Museo Rosenbach, che non a caso anche qui costituisce un imprescindibile punto di riferimento. Per il resto, ritroviamo il lirismo dark del Balletto di Bronzo che, in pi¨ di un passaggio, si fa quantomai hard e oscuro, formando un preziosissimo cocktail sonoro da assaporare attimo per attimo. Un nuovo gioiello si ha subito con i 14' de "Il viaggio nell'oceano capovolto - parte 1", in cui i giochi armonici e ritmici si incastrano alla perfezione, fra le bordate del basso distorto di Zuffanti e le sapienti invenzioni di Macor al pianoforte e al mellotron: alcune lugubri tessiture mi hanno ricordato anche l'indimenticabile soundtrack de "L'aldilÓ" di Fabio Frizzi. La rapace voce di Alessandro Corvaglia mostra al meglio le sue doti nell'incredibile melodia de "La consunzione", momento ripreso come traccia autonoma alla fine del CD. La title-track prevede un riff di basso molto dark, cui tengono dietro il mellotron e il flauto di Monetti nella medesima direzione: l'assetto arrangiativo Ŕ sopraffino come sempre, e risultano aggressive ed originali certe dissonanze; significativo il finale paranoico/rarefatto. Decisamente weird la breve "Il canto dell'inverno": a metÓ fra Keith Emerson e Arturo Stalteri i giochi pianistici di Macor, che poi dona impressionistiche sensazioni col mellotron, cui segue il malinconico oboe. Ottime idee per il futuro. "Ai confini del mondo" si snoda invece a cavallo fra Trip e Osanna, ed Ŕ condotta con mano molto sicura l'alternanza fra le parti tranquille e gli squarci carichi di energia; semplicemente da pelle d'oca l'epica chiusura. Quanto agli oltre 22' de "Il viaggio nell'oceano capovolto - parte 2", ci troviamo probabilmente di fronte alla pi¨ grande composizione della Maschera di Cera. Il preludio voce-chitarra-mellotron-flauto deflagra in un coinvolgentissimo crescendo ritmico, mentre Ŕ addirittura indescrivibile la melodia del cantato: poche storie e fuori i fazzoletti, ci si pu˛ solo commuovere al cospetto di tanta bellezza! I bei ghirigori del moog, i guadi semi-acustici, i 'tarantolamenti' collettivi sono tutti fattori che concorrono in egual proporzione alla sublime statura della suite, che si chiude degnamente con un tema reiterato dall'oboe, via via doppiato dai singoli strumenti in un ripieno entusiasmante. L'impressione Ŕ dunque di aver ascoltato un nuovo, inarrivabile capolavoro. Supera o no il suo predecessore? Confronto arduo e forse anche un po' antipatico; preferisco cavarmi d'impaccio dicendovi che, se l'altro era perfetto, questo gli sta solo... alla pari.

 

Francesco Fabbri

Collegamenti ad altre recensioni

ALHAMBRA Luna nova 2002 
ALHAMBRA Temporale 2005 
AMANITA L'oblio 1997 
ANDREA MONETTI ROCCASANTA AMR was here 2006 
ARIES Aries 2005 
ARIES Double reign 2010 
ARJUNA La montagna sacra 1998 
ARJUNA Live '98 2000 
FABIO ZUFFANTI Ghiaccio 2010 
FABIO ZUFFANTI La quarta vittima 2014 
FABIO ZUFFANTI & VICTORIA HEWARD Merlin: the Rock Opera 2000 
FINISTERRE Finisterre 1994 
FINISTERRE In limine 1996 
FINISTERRE Ai margini della terra fertile 1997 
FINISTERRE In ogni luogo 1999 
FINISTERRE Storybook 2001 
FINISTERRE Harmony of the spheres 2002 
FINISTERRE La meccanica naturale 2004 
FINISTERRE Memoirs 2014 
HÍSTSONATEN Mirrorgames 1998 
HÍSTSONATEN Springsong 2002 
HÍSTSONATEN Autumnsymphony 2009 
HÍSTSONATEN Summereve 2011 
HÍSTSONATEN The rime of the ancient mariner - Chapter one 2012 
HÍSTSONATEN Symphony n.1: Cupid & Psyche 2016 
KU Fragments from the alterated 2000 
LĺOMBRA DELLA SERA Lĺombra della sera 2012 
LA MASCHERA DI CERA La maschera di cera 2002 
LA MASCHERA DI CERA In concerto 2004 
LA MASCHERA DI CERA LuxAde 2006 
LA MASCHERA DI CERA Petali di fuoco 2010 
LA MASCHERA DI CERA Le porte del domani 2013 
LA ZONA Le notti difficili 2002 
QUADRAPHONIC Il giorno sottile 2002 
QUADRAPHONIC Le fabbriche felici 2003 
ROHMER Rohmer 2008 
ZAAL La lama sottile 2004 
ZAAL Onda quadra 2010 

Italian
English