Home
 
MANNING The cure Cyclops 2000 UK

All'arrivo di questo secondo album del leader dei Parallel or 90 Degrees ritrovo una sensazione che credevo sepolta. La voce di Manning e molto profonda, l'impostazione tipicamente Hammilliana e non mancano certo le sonoritÓ seventies ma anche dopo queste premesse ritrovo una leggera insoddisfazione. Quest'ultima Ŕ del tutto positiva e frutto dell'impazienza, della voglia di avere di pi¨. I suoni morbidi e delicati di tastiere, quel vago e notturno sax donano attimi di pura magia ma con eguale semplicitÓ trovo alcune leggerezze che mi lasciano disorientato. Quella particolare vena cantautorale sembra a volte indecisa tra espressione diretta e espansione sonora. Quel filo conduttore con il tipico hard seventies sembra propriamente ricercato ma anche il gusto del gruppo madre emerge con tastiere e suoni ipnotici di chitarre. Qualche arrangiamento d'archi aggrazia le composizioni donando una melodia che quasi contamina. ╚ uno strano amore ed odio il mio. Eppure non posso evitare di pensare che una canzone come "Falling" mi Ŕ entrata dentro, fino in fondo.

 

Gerald Crich

Collegamenti ad altre recensioni

MANNING The ragged curtain 2003 
MANNING One small step... 2005 
MANNING Margaret's children 2011 
MANNING The root, the leaf & the bone 2013 
THE TANGENT The music that died alone 2003 
THE TANGENT The world that we drive through 2004 
THE TANGENT A place in the queue 2006 
THE TANGENT Down and out in Paris and London 2009 

Italian
English