Home
 
MAGENTA Seven F2 Music 2004 UK

"Seven" è solo il secondo album per i Magenta, facendo seguito all'ottimo "Revolutions", ma colpisce al primo ascolto per la sua maturità e per l'efficacia con cui centra il bersaglio. Merito senz'altro di chi ci sta dentro fin dall'inizio, ovvero quel Robert Reed anima dei Cyan, ma anche del fatto che adesso i Magenta siano un vero gruppo, piuttosto che un pur valido studio project. "Seven" è un concept album sui sette peccati capitali e c'è una traccia per ognuno di essi, tutte al di sopra dei 10 minuti tranne "Anger" (l'ira) che si ferma poco dopo i 5 minuti... e ognuno tragga le conclusioni che vuole da questo particolare. Musicalmente l'album si situa sui sentieri tracciati dal predecessore, ma sfrutta le proprie potenzialità musicali e vocali al meglio, dando origine ad un Prog fortemente reminiscente dei Renaissance, dei Solstice (ma con non troppo sporadici intrecci alla Genesis), ma con sonorità moderne e new-Prog. Il risultato è entusiasmante e delizioso, e non credo di stare esagerando. Le tracce si dipanano nella loro lunghezza senza il minimo accenno di stanchezza, con ritmiche quasi sempre piuttosto pacate e senza grossi slanci strumentali o assoli (da notare solamente l'assolo, molto gilmouriano, in chiusura di album); solo, si fa per dire, una grande prova di Prog melodico sapientemente orchestrato e ben contrappuntato dai vari strumenti che di rado si rendono appunto protagonisti, lasciando ampio, ma meritato, spazio al cantato di Christina. A proposito di quest'ultimo: potrà sembrare banale, ma la sua somiglianza con le timbriche e il modo di cantare di Annie Haslam è impressionante. Chi ha ascoltato il primo album dei Magenta noterà che le tracce sono più lineari rispetto ad esso, in cui erano presenti lunghe suite in cui talvolta si faceva fatica a rimaner dietro alla linea musicale, ma questo non vuole assolutamente dire che si tratti di musica lineare e poco creativa. Il fatto che la creatività sia stata messa al servizio della melodia e della recepibilità della proposta musicale (beh… come ho detto si tratta comunque sempre di tracce di 10 minuti e passa), con risultati di ottima qualità, ci porta appunto a fare affermazioni positive sulla maturità acquisita dal gruppo.
Se volete acquistare il CD direttamente dall'etichetta, sappiate che vi verrà recapitato anche un mini CD ("Broken") in omaggio contenente 5 tracce: due inediti e tre versioni differenti di vecchie e nuove canzoni.

 

Alberto Nucci

Collegamenti ad altre recensioni

CYAN For king and country 1993 
CYAN Pictures from the other side 1994 
CYAN Remastered 1997 
CYAN The creeping vine 1999 
CYAN Echoes 1999 
MAGENTA Revolutions 2001 
MAGENTA Another time... another place... 2004 
MAGENTA Home & The New York suite (ltd edition) 2006 
MAGENTA Live at Real World 2010 
MAGENTA The twenty seven club 2013 
ROBERT REED Sanctuary 2014 
ROBERT REED Willow’s song (EP) 2014 
ROBERT REED Sanctuary II 2016 

Italian
English