Home
 
MORILD Time to rest autoprod. 2010 NOR

Dalla Norvegia una recente autoproduzione che segna il debutto discografico di un gruppo molto interessante, è il doppio cd “Time to rest”, opera dei Morild, un quartetto formato da John Anders Troset (voce), Odd-Roar Bakken (tastiere e chitarre), Alexander Rodriguez Salgado (batteria) e Nils Larsen (basso), coadiuvato da Mari Haug Lund al flauto e Hans Kristoffersen alla chitarra su un brano. La prima traccia “All I wanted (The whale song)” è già molto esplicativa della proposta della band: inizio sinfonico, guidato da tastiere e piano, belle melodie vocali e poi una serie di variazioni, tra accelerazioni, cambi di tempo, diversi spunti classicheggianti e persino una parentesi molto delicata e dal sapore folk, tra chitarra acustica, flauto e voce. In effetti, la musica dei Morild non si può certo definire originale, ma il gruppo, otre a mostrare buon gusto, una discreta vena melodica e bravura negli arrangiamenti, sa indirizzare bene le varie influenze da cui trae spunto. Tra riferimenti a Camel, Genesis, Marillion, Jethro Tull, Bo Hansson, Kaipa, White Willow l’album si dipana per quasi un’ora e tre quarti, ma quasi non ce ne rendiamo conto vista la grazia con cui si propongono e la capacità di attirare l’attenzione continuamente con composizioni equilibrate, costruite in maniera ottimale e dalle dinamiche perfette. Oltre alla citata opener altri momenti che colpiscono particolarmente sono “Early ithis morning (Christmas song)”, che porta alla conclusione il primo dischetto con il suo flavour oldfieldiano e la suite “The slave ship”, suddivisa in tre parti e contenente tutto ciò che si può desiderare dal rock sinfonico. I Morild si presentano affermando a chiare lettere che la loro musica “parla al cuore più che al cervello” ed è assolutamente vero, perché anche nei brani più lunghi, dove ci sono lunghe parti strumentali, non si assiste a giochi di equilibrismo tecnico, ma a solos e dialoghi lineari, a melodie di classe e ad un rock romantico con elementi folk che sprigiona tanto feeling e che si lascia ascoltare con estremo piacere. Se vi attraggono queste peculiarità nella musica, “Time to rest” può rivelarsi una bella sorpresa che vi regalerà non poche emozioni.


Bookmark and Share

 

Peppe Di Spirito

Collegamenti ad altre recensioni

ADVENTURE Beacon of lights 2009 
ADVENTURE Caught in the web 2014 
MORILD Aves 2013 

Italian
English