Home
 
MORAINE Metamorphic Rock Moonjune Records 2011 USA

Nel prog, ma anche un po’ in generale, è sempre meno d’uso proporre, nel corso della carriera, dischi live. Le motivazioni possono essere molteplici, ma credo che principalmente ciò sia dovuto a due fattori. Prima di tutto la registrazione in studio “fai da te”, ormai estremamente facilitata dagli apparati tecnologici, a ruota, perché per suonare bene dal vivo e non dover editare troppo, occorre essere decisamente bravi. Per quanto riguarda i Moraine, le qualità tecniche e musicali non mancano certo, viene quindi naturale la decisione di registrare per intero la performance al NEARfest del 2010 e darlo alle stampe.
Non sono molte le conferme rispetto all’album di esordio: ritroviamo l’etichetta MoonJune, ma varia sensibilmente la formazione, dove, oltre ovviamente a Dennis Rea, ritroviamo Kevin Millard all’eight string bass e la violinista Alicia Allen, che nel frattempo si è maritata con il sassofonista James DeJoje (nuovo della band) e che quindi ha voluto presentarsi, per questo lavoro, con il cognome DeJoie. Altra novità, invece, per il batterista Stephen Cavit, ottimo per tecnica e dalla grossa esperienza jazz rock locale.
Interessante la scelta del titolo del disco, anche in funzione dell’impronta musicale che la band ha voluto imprimere alla prova tecnico-musicale, con l’utilizzo del gioco di parole tra rock, inteso come genere musicale e la roccia metamorfica. Ricordo che tra le rocce metamorfiche, che hanno subito variazioni da rocce preesistenti a causa di cambiamenti di pressione e temperatura, ci sono composti molto duri che arrivano in superficie a causa dei grandi movimenti orogenetici. Questo gioco verso la durezza, ma anche verso le forme in trasformazione, è decisamente esemplificativo delle scelte operate.
Scelte che vedono in ripescaggio e la dovuta metamorfosi di brani da due precedenti lavori, il primo è il disco d’esordio degli stessi Moraine, “Manifest Density” e l’altro è il lavoro solista di Dennis Rea, chitarrista, compositore e group leader, “Views From Chicheng Precipice”. Una buona porzione del live è dedicato all’inserimento di qualche inedito, quattro per la precisione.
Il gruppo appare partecipe e molto motivato e sembra che l’aspetto live sia di certo confacente alla struttura della band. Lo splendido affiatamento della band è sintomo che l’ingranaggio è ben oliat,o così che anche nella parti più complesse tutto risponde in maniera puntualissima, fin dall’iniziale e inedita “Irreducible Complexity”, dal nome che è tutto un programma. In ogni momento si duetta alla grande: violino e sax; sax e chitarra, chitarra e violino e sotto a pulsare una macchina ritmica, poderosa e sempre all’altezza. “Disoriental Suite” raccoglie in vari spezzoni assai metamorfizzati, gli aspetti salienti di “Views From Chicheng Precipice” e lo fa saltellando su arrangiamenti molto ricercati, dove le sonorità più ardite della nuova proposta ben si miscelano a quelle più pacate e orientaleggianti dell’originale. Ampi spazi alla sperimentazione e alla ricerca sonora con parti improvvisate che rasentano noise arcigni e scomposti, come nel nuovo arrangiamento di “Uncle Tang’s Cabinet of Dr. Caligari” o nell’altra minisuite “Disillusioned Avatar/Dub Interlude/Ephebus Amoebus”. Altra cosa impossibile da evitare per una band di questo genere sono i momenti di assolo: tanti, notevoli, tecnicissimi, spesso raccolti in brevi flash furiosi, ricercati e sparsi un po’ ovunque, un esempio per tutti, la dinamica “Kuru”.
Una bellissima avventura sonora, che non strizza occhi in accondiscendenza, ma porta avanti, deciso e con coerenza, un discorso che si fa apprezzare dalla prima all’ultima nota.



Bookmark and Share
 

Roberto Vanali

Collegamenti ad altre recensioni

DENNIS REA Views from Chicheng precipice 2010 
IRON KIM STYLE Iron Kim style 2010 
MORAINE Manifest density 2009 
MORAINE Groundswell 2014 

Italian
English