Home
 
MÉSÉGLISE L'assenza Lizard 2013 ITA

Non credo di avere l'ossessione del prog a tutti i costi, delle strutture complicate, degli arrangiamenti elaborati, dei tempi dispari, delle divagazioni jazzate, delle suite e di qualunque altro cliché attribuibile al rock progressivo. Per questo mi riesce facile apprezzare un album come quello dei Méséglise, la cui immediatezza della proposta musicale è evidente.
Usando un termine alla moda, potremmo definire i Méséglise come uno spin-off dei Sithonia. E del gruppo bolognese, i Méséglise riprendono le atmosfere raffinate ed il gusto per la melodia, lasciando però da parte gli intenti più progressivi. Il risultato è un piacevolissimo album di canzoni evolute che non cercano necessariamente il ritornello o la struttura di facile presa. Il progressive in effetti c'è ancora, ma non prevale sulla sostanza. Esso emerge negli arrangiamenti, basati principalmente sulle tastiere di Paolo Nannetti, e in qualche passaggio strumentale più complesso della media. È però la voce di Marco Giovannini a dominare e a ricordare i Sithonia (sono presenti, tra gli altri, anche Roberto Magni, Oriano Dasasso e Valerio Roda), caratterizzando tutto il lavoro grazie anche a testi interessanti che evitano facili banalizzazioni cantautorali.
Ogni brano ha il proprio stile e la propria particolarità: "16 marzo", ad esempio, è il più ritmato, "F.T.M.", con il suo accompagnamento di chitarra acustica e la struttura semplice e allegra, è il più leggero, "Le stelle di Lefkos" e "Sole in città" sono i più prog della collezione. In generale, ciascuna delle 12 tracce del disco è facilmente riconoscibile per qualcosa, sia che si tratti della scelta dei suoni, dell'arrangiamento o dell'atmosfera. Di tanto in tanto ci sono passaggi che possono ricordare i Camel oppure Battiato, spesso le atmosfere sono classiche grazie agli archi ed al pianoforte, e anche quando sono elettriche, l'organo e le chitarre hanno sempre un suono molto morbido, col risultato che non esiste assolutamente il pericolo della fatica d'ascolto.
"L'assenza" è un disco rilassante, forse non adatto a chi preferisce le complessità del progressive, ma bisogna dire che suona molto intrigante nelle sue melodie malinconiche, nel suo evitare la banalità e nel saper emergere durante l'ascolto con gusto e raffinatezza. Senz'altro consigliato a tutti, anche a quelli che in teoria non dovrebbero apprezzarlo.


Bookmark and Share

 

Nicola Sulas

Collegamenti ad altre recensioni

MARCO GIOVANNINI e PAOLO NANNETTI Un mare di cartone 2001 
MÉSÉGLISE Stranamente sereno 2016 
SINTESI DEL VIAGGIO DI ES Il sole alle spalle 2017 
SITHONIA Spettacolo annullato 1992 
SITHONIA Folla di passaggio 1994 
SITHONIA Confine 1995 
SITHONIA Hotel Brun 1998 
SITHONIA La soluzione semplice 2011 

Italian
English