Home
 
METACONCIENCIA Bestiario Musea 2003 MEX

I chitarristi Francisco Estrada e Ricardo Moreno ed il bassista JosÚ Ramon Porrua, coadiuvati dal batterista Carlos Bonequi, si esibiscono, con "Bestiario", in oltre un'ora di pregevole jazz-rock elettroacustico e strumentale. Questi musicisti messicani mostrano un discreto talento e sono soprattutto i primi brani a dimostrarlo, a partire da quello d'apertura intitolato "Garhi" e caratterizzato da oltre dieci minuti energici con raffinati intrecci tra le chitarre, dalle cui note traspaiono anche le loro origini latine. Agile ed equilibrato l'inizio acustico di "Alh 84", composizione di sette minuti che sembra muoversi a cavallo tra progressive e fusion e nella quale spicca lo splendido alternarsi tra la sei corde acustica e quella elettrica. Le evoluzioni di "Paradigma" sanno un po' di giÓ sentito e possono riportare alla mente gli storici Brand X in una veste per˛ un po' pi¨ robusta. Molto bello il bozzetto acustico per chitarra e basso rappresentato da "PÚndulo", mentre con "Eniac" la formula comincia ad essere un po' ripetitiva e a mostrare un po' di stanchezza. Interessante "Improv", che, come il titolo lascia intendere, Ŕ un'improvvisazione e che Ŕ guidata da una scatenata chitarra elettrica. La title-track "Bestiario" Ŕ abbastanza aggressiva e la sua lunga durata (quasi undici minuti), la presenza di tastiere, i cambi di tempo e di atmosfera la rende pi¨ vicina al rock sinfonico. "1899" presenta sonoritÓ pi¨ crimsoniane e "Antartica" porta a termine il lavoro ritornando su un ordinario jazz-rock. Album che contiene molte idee valide e, anche se pu˛ risultare un po' troppo lungo e a tratti ripetitivo, penso che possa piacere agli amanti di un sound chitarristico e a chi apprezza i Brand X, la scuola italiana del jazz-rock, ma anche proposte pi¨ recenti come quelle di Djam Karet e Priam.

 

Peppe Di Spirito

Italian
English