Home
 
CYRIL Paralyzed Progressive Promotion Records 2016 GER

Dopo tre anni di attesa i Cyril del tastierista Marek Arnold si ripropongono, sempre con la Progressive Promotion Records (valente label tedesca), con “Paralyzed” e con una line-up invariata rispetto all’esordio di “Gone through years” datato 2013. Come da trade mark della PPR, anche se non mancano delle eccezioni, la proposta della band va ad inserirsi e ad aggiungersi al filone new prog melodico con qualche incursione nel metal. E’ altrettanto vero che, in alcuni dei 7 brani che compongono l’album, l’utilizzo del sax e del clarinetto spingono il sound del gruppo verso territori, se non inesplorati, quanto meno più ricercati ed originali. “Scarlet walking”, dopo una introduzione decisamente tranquilla, cambia registro e diventa più dinamica ed aggressiva. Il brano, pur non brillando in fantasia, risulta comunque di gradevole ascolto. La title track è una piacevole soft-song arricchita da un convincente “solo” di chitarra di Ralf Dietsch subito doppiato dalle tastiere di Arnold .“Remember me” è un intreccio continuo tra metal e new prog con la “chicca” del clarinetto, ad inizio brano e del sax ad addolcirne il bel finale. “Rainbow”, con la sua chitarra “spagnoleggiante” e le ammiccanti atmosfere latine, offre un altro spaccato della musica dei ragazzi tedeschi. “Peal of thunder” è una piacevole pop-rock song dal buon impatto melodico. Il meglio viene però lasciato al finale. I 18 minuti di “Secret place pt. 1” non aggiungeranno nulla alla storia del prog, ma sono sicuramente un bel sentire. Cinque minuti preparatori ed interlocutori, poi la band inizia a “spingere” sull’acceleratore, senza eccedere peraltro, creando ottime melodie e bei momenti strumentali. Anche i due vocalist, Larry Brödel e Manuel Schmid, crescono in intensità ed i fiati fanno il resto. Un sound di facile appeal, se vogliamo, ma eseguito con classe ed eleganza. E il fatto che venga indicata come “part 1”, ci fa ben sperare per il seguito. Come detto “Paralyzed” non farà la storia del (prog) rock, ma è comunque un album di piacevole ascolto, discretamente intrigante in alcuni momenti, prevedibile in altri, ma comunque meritevole di una chance. Evidentemente se siete di gusti più “difficili”, bypassatelo pure.


Bookmark and Share

 

Valentino Butti

Collegamenti ad altre recensioni

CYRIL Gone through years 2013 

Italian
English