Home
 
RANESTRANE Shining BTF 2011 ITA

Il rock progressive ha sempre trovato nell’idea del concept album una strada congeniale. Il dover sviluppare musicalmente un concetto o un pensiero č una cosa abbastanza comune in questo tipo di musica. Questo gruppo romano sposta il confine in questo tipo di operazione cimentandosi nella riproposizione musicale di opere cinematografiche. Hanno intrapreso questa strada (chiamata nei loro spettacoli dal vivo “cineconcerto”) musicando alla loro maniera “Nosferatu” e ci riprovano con un classico del cinema moderno come “Shining” di Stanley Kubrick.
La storia dello scrittore Jack Torrence viene riprodotta in maniera fedelissima (seguendo il minutaggio del film) dai Ranestrane che riescono nella difficilissima operazione di risultare originali e non pacchiani sfruttando un’opera apprezzata a livello mondiale.
E’ difficile (e forse nemmeno molto corretto per spiegare questo doppio cd) accantonare l’opera cinematografica senza la quale non avremmo in mano questo piccolo gioiellino, ma sarebbe un peccato non mettere in risalto gli aspetti prettamente musicali che rendono veramente unico nel panorama musicale progressive attuale questo gruppo.
Difficilmente troviamo in giro formazioni musicali che riescono a districarsi facilmente tra elementi che ti riportano non solo al rock progressive ma anche alla canzone italiana (sě… quella che potresti ascoltare sul palco sanremese), che riescono a condire melodie riuscite con soluzioni sonore per niente semplici,che (soprattutto in Italia) hanno dei cantanti degni di questo nome (il vocalist ricorda molto il miglior Zarrillo).
Se la definizione di art rock significa ancora qualcosa, questa si addice perfettamente al gruppo romano. Gruppo che ha un background non prettamente progressive ma che, in un mondo di band che suonano tutte uguali, questo aspetto diventa discriminante e arricchisce in maniera fondamentale il songwriting dei Ranestrane.
Tra i brani da menzionare (non solo per la citazione cinematografica) sicuramente “Il mattino ha l’oro in bocca”, “La neve copre ormai tutte le piane aride”, ”Mr. Halloran”, ”Il labirinto” e “Oltre tutto” ma ogni momento č funzionale e importante all’interno di questo doppio cd.
Un disco da seguire insieme al film, ma anche da assaporare momento per momento per cogliere le sfumature musicali create dai Ranestrane. Da ricordare in questo 2011


Bookmark and Share

 

Antonio Piacentini

Collegamenti ad altre recensioni

IL ROVESCIO DELLA MEDAGLIA Live in Tokyo 2014 
RANESTRANE Nosferatu il vampiro 2006 
RANESTRANE A space odissey - Part one: Monolith 2013 
RANESTRANE A space odissey - Part two: H.A.L. 2015 
RICCARDO ROMANO LAND B612 2017 

Italian
English