Home
 
THE TANGENT A spark in the aether - The music that died alone - volume two Inside Out 2015 UK

"Tutto qui?" ho pensato. Per farla breve, l'album nel complesso è sufficientemente valido però mi aspettavo di più. I Tangent sono il classico gruppo di progressive manieristico che è sempre riuscito, in modo netto, a rimanere su buoni livelli di qualità senza inventare praticamente nulla e senza produrre capolavori o momenti memorabili. "A spark in the aether", invece, mi è sembrato da subito un disco un po' stanco, con meno idee del solito. L'inizio è in classico stile Tangent, progressivo e rock, con un brano dal ritmo serrato, le melodie di sintetizzatore di Andy Tillison, l'organo Hammond, la chitarra elettrica che dà quel tocco di hard che non guasta mai e il ritornello di facile presa. Niente di sconvolgente ma tutto sommato un brano gradevole, una specie di singolo per introdurre l'album, dal quale prende anche il nome. È la successiva "Codpieces & Capes" ad avermi lasciato indifferente. In dodici minuti ci sono pacchi di riff di chitarra, le solite linee di synth, cori, assoli, stacchi, rallentamenti e accelerazioni. In teoria è un brano perfetto, scritto come un ideale e coinvolgente mini-suite progressiva, ma in realtà scorre veloce lasciando la sensazione di aver ascoltato un lungo riempitivo fatto di idee scontate. Molto meglio "Clearing the attic", il consueto momento canterburiano, dove a fare la differenza è anche la presenza di Theo Travis, a mio avviso poco sfruttato durante tutto l'album. Valida anche "Aftereugene", uno strumentale dove si fa sentire una maggiore sperimentazione e che in parte è un omaggio ai Pink Floyd di "Carefull with that axe Eugene", con un bell'assolo di sax a chiudere il brano mentre sfuma. La suite "The celluloid road", contiene in oltre venti minuti delle buone idee ma nel complesso è un po' stiracchiata e lascia all'ascolto la stessa sensazione di "Codpieces & Capes". C'è infine la seconda parte di "A spark in the aether" a risollevare la soglia dell'attenzione, in otto minuti che iniziano lenti e ragionati per poi riprendere il ritmo serrato ed il tema della prima traccia.
"A spark in the aether" ha un sottotitolo, "The music that died alone - volume two", ma è inutile dire che per quanto mi riguarda non regge il confronto con l'album d'esordio, a ormai dodici anni di distanza ancora il più fresco e godibile lavoro dei Tangent. È trascorso del tempo, tanti musicisti sono passati da queste parti (e anche tornato Jonas Reingold), tanta musica à stata scritta e Andy Tillison continua a portare avanti coraggiosamente il suo progetto. Un album leggermente sotto tono ci può anche stare e tutto sommato non è una tragedia. Mi auguro che sia solo un episodio e che i prossimi lavori tornino ad essere all'altezza dei migliori momenti dei Tangent.



Bookmark and Share

 

Nicola Sulas

Collegamenti ad altre recensioni

ANDY TILLISON DISKDRIVE Murk 2011 
KIAMA Sign of IV 2016 
THE TANGENT The music that died alone 2003 
THE TANGENT The world that we drive through 2004 
THE TANGENT Pyramids and stars 2005 
THE TANGENT A place in the queue 2006 
THE TANGENT Down and out in Paris and London 2009 
THE TANGENT Going off on two (DVD) 2011 
THE TANGENT Comm 2011 
THEO TRAVIS’ DOUBLE TALK Transgression 2015 

Italian
English