Home
 
MAGMA Akt XV - Bourges 1979 Seventh Records 2008 FRA

Da diversi anni la Seventh Records, con la collana denominata “Akt”, propone documenti d’archivio della carriera dei Magma, consistenti principalmente in concerti d’epoca. “Bourges 1979” copre un periodo finora non molto trattato, quello successivo all’album “Attahk”. Erano tempi difficili per il progressive rock ed anche i Magma dovevano fare i conti con i cambiamenti del mondo musicale. Così, dopo “Udu Wudu”, gioiello zeuhl dal sound granitico, pubblicarono “Attahk”, un disco più “morbido” (per quanto possa essere morbida la loro proposta), meno potente dei lavori del passato, ma sempre contraddistinto da una classe immensa e da un’originalità fuori dal comune. Continua l’unione di rock, jazz coltraniano e musica classica moderna, ma vengono anche alleggerite certe asperità. Tale indirizzo è mostrato anche da questo doppio cd che immortala la band in un live registrato il 17 aprile 1979. Per l’occasione, la formazione è costituita da alcuni membri storici, integrati da innesti più recenti ed abbiamo Klaus Blasquiz, Maria Popkiewicz e Liza Deluxe al canto, Jean-Luc Chevalier alla chitarra e al basso, André Hervé al piano e alle tastiere, Michel Hervé al basso, Stella Vander al canto e al piano e sua maestà Christian Vander alla batteria e al canto. La scaletta è di tutto rispetto, aperta da “Retrovision”, magica composizione che già conosciamo per la sua presenza in altri dischi dal vivo, seguita da prelibate esecuzioni di brani tratti da “Attahk”. Lo zeuhl dei Magma è sempre lì: ritmi incessanti ed ossessivi (forse un po’ meno che in passato), canto in kobaiano, cori enfatici, inserimenti suggestivi di tastiere e chitarra elettrica. Alla fine del primo dischetto abbiamo il pezzo forte dell’album: “Korusz XXVI”, ovvero una di quelle improvvisazioni di Vander alla batteria spesso presenti nei live (ricordiamo anche che qualche anno fa è uscito un doppio cd intitolato “Korusz” pieno di questi assolo, presi da diverse epoche). Il suo drumming unico e fantasioso piazza un altro colpo da maestro e, accompagnato in apertura dal sax dell’ospite René “Stündhër” Garber, regala venti minuti di jazz d’avanguardia in piena libertà, con passaggi sorprendenti che a tratti sembrano puntare persino a soluzioni vicine ai raga orientali, specie quando si inserisce un canto “onomatopeico”. Il secondo cd, oltre alla recente “Nono” offre invece due classici degli anni d’oro: la sempre meravigliosa “Hhai” ed una versione accorciata (ventotto minuti e mezzo) di “Mekanik Destrukltiw Kommandoh”. La registrazione è soundboard, ma il suono, anche se non perfetto, è decisamente buono ed è un altro elemento positivo che darà soddisfazioni a tutti gli appassionati di zeuhl che incrementeranno la loro collezione con questo acquisto a cui non possono rinunciare.


Bookmark and Share
 

Peppe Di Spirito

Collegamenti ad altre recensioni

ALIEN Antibes 1983 2010 
CHRISTIAN VANDER Les cygnes et les corbeaux 2002 
CHRISTIAN VANDER John Coltrane l’homme supreme 2011 
FUSION Paris 80 2002 
JANNICK TOP Soleil d'Ork: inedits 74-76 2001 
JANNICK TOP Infernal machina 2008 
MAGMA Theusz hamtaahk: Trilogie 2001 
MAGMA K.A. 2004 
MAGMA Ëmëhntëhtt-ré 2009 
MAGMA Live in Tokyo 2009 
MAGMA Felicité Thösz 2012 
MAGMA Mythes et légendes - Epok V (DVD) 2013 
MAGMA Zuhn wohl unsai - Live 1974 2014 
MAGMA Rïah Sahïltaahk 2014 
MAGMA Slag Tanz 2015 
MAGMA Ëmëhntëhtt-Ré (DVD) 2017 
MAGMA Marquee - Londres 17 mars 1974 2018 
OFFERING Magma presente offering 2003 
OFFERING Concert Triton 2013 (DVD + 2 CD) 2013 
STELLA VANDER Passage du Nord Ouest - Paris 1991 2011 
VANDERTOP Paris 1976 2001 
ZIG ZAG Pièces Manquantes 1976 2014 

Italian
English