Home
 
MAGMA Slag Tanz Seventh Records 2015 FRA

“Slag Tanz” è una delle due composizioni che i Magma hanno iniziato a proporre dal vivo nel 2009. Se l’altra, “Felicité Thosz”, pubblicata poi ufficialmente nel 2012, ha mostrato quelle influenze legate al soul e al gospel che la rendevano ariosa e luminosa, mettendo in risalto certe caratteristiche dello zeuhl che non sempre vengono bene a galla, ecco che il nuovo minicd riporta il gruppo su territori decisamente più aspri. Già, perché “Slag Tanz” mostra i Magma più spigolosi e “cattivi”, riprendendo certe soffocanti soluzioni sonore tipiche di capolavori del calibro di “Mekanik destruktiw kommandoh” e “De futura”. Bastano i primi secondi del disco per capirlo, con le note ossessive di piano e di chitarra elettrica su ritmi secchi ed il canto tormentato di Hervé Aknin a condire il tutto. E’ solo l’inizio di un viaggio di una ventina di minuti in cui veniamo assaliti da tutta la potenza dello zeuhl, con ritmi insistenti, impasti vocali, variazioni improvvise e sorprendenti e tanto altro suddiviso in otto tracce. Una curiosità la si può notare nelle parti cantate, che rispetto al passato vedono, oltre al solito kobaiano, un uso del francese molto maggiore. Ovviamente la sezione ritmica detta le danze alla grande: la reiterazione dei tempi scanditi da basso e batteria è da sempre una delle caratteristiche basilari della musica dei Magma e ancora nel 2015 l’accoppiata Philippe Bussonet-Christian Vander mostra cosa è capace di fare. Anche in quelle rare aperture più melodiche i due strumenti fanno sì che ci sia quell’irrequietezza di fondo sempre ben presente e le basse frequenze rappresentano una minaccia costante. La sesta traccia “Zu Zain!” è esemplare: per tutta la sua durata (oltre due minuti) il giro di basso si mantiene sinistro e intimidatorio, mentre Vander dietro le pelli svaria con abilità e il vibrafono in lontananza non fa che mantenere alta la tensione; nemmeno l’entrata del coro di un’altra coppia rodata, quella formata da Stella Vander e Isabelle Feuillebois, ingentilisce le cose, anzi accresce ulteriormente questo senso di asfissia. Il finale “Wohldunt” è accomunabile ai momenti conclusivi delle precedenti opere “Emehntehtt-Re” e “Felicité Thosz”, con tempi lentissimi scanditi dal piano e quello che sembra un canto funebre. Siamo di fronte al volto più scuro dei Magma (anche la copertina completamente nera, in pratica, lo preannuncia), che stavolta puntano forte su una composizione di grande inquietudine. E’ l’altra faccia della medaglia rispetto a “Felicité Thosz”, non meno attraente, non meno rappresentativa di una mente che anche nel nuovo secolo continua a stupire. Certo, anche stavolta, come nelle due precedenti uscite discografiche (“Felicité Thosz” e “Riah Sahiltaak”) si tratta di un cd di brevissima durata e quando la qualità è così alta non si è mai sazi, si vorrebbe sempre di più. Vander prosegue comunque imperterrito il suo percorso e ci regala l’ennesima opera d’arte di una carriera lunga e prestigiosa. Attendiamo il prossimo colpo di genio, Maestro!



Bookmark and Share

 

Peppe Di Spirito

Collegamenti ad altre recensioni

ALIEN Antibes 1983 2010 
CHRISTIAN VANDER Les cygnes et les corbeaux 2002 
CHRISTIAN VANDER John Coltrane l’homme supreme 2011 
FUSION Paris 80 2002 
MAGMA Theusz hamtaahk: Trilogie 2001 
MAGMA K.A. 2004 
MAGMA Akt XV – Bourges 1979 2008 
MAGMA Ëmëhntëhtt-ré 2009 
MAGMA Live in Tokyo 2009 
MAGMA Felicité Thösz 2012 
MAGMA Mythes et légendes - Epok V (DVD) 2013 
MAGMA Zuhn wohl unsai - Live 1974 2014 
MAGMA Rïah Sahïltaahk 2014 
MAGMA Ëmëhntëhtt-Ré (DVD) 2017 
OFFERING Magma presente offering 2003 
OFFERING Concert Triton 2013 (DVD + 2 CD) 2013 
ONE SHOT One shot 1999 
ONE SHOT Vendredi 13 2001 
ONE SHOT Ewaz vader 2006 
ONE SHOT Dark shot (CD + DVD) 2008 
ONE SHOT Live in Tokyo 2011 
STELLA VANDER Passage du Nord Ouest - Paris 1991 2011 
VANDERTOP Paris 1976 2001 

Italian
English