Home
 
TOM DONCOURT AND MATTIAS OLSSON’S CATHEDRAL Tom Doncourt and Mattias Olsson’s Cathedral Roth Händle Recordings 2020 USA/SVE

Nel marzo del 2019, il tastierista Tom Doncourt si è spento a causa di una malattia ai polmoni. Noto agli amati del prog per la sua militanza nella band americana dei Cathdral, autori dello splendido “Stained glass stories” nel 1978 e di un ritorno nel 2007 con “The bridge”, nell’anno precedente alla sua scomparsa stava lavorando ad un nuovo disco insieme a Mattias Olsson, vero prezzemolino del prog (e non solo) degli ultimi trent’anni, visto che non si contano le sue collaborazioni, le band in cui milita o ha militato e i dischi in cui appare come produttore. I progster legano il suo nome a quello degli Anglagard, gruppo svedese che diede una ventata d’aria fresca ad inizio anni ’90 all’intera scena. Le influenze maggiori per Olsson e soci sono sempre state intraviste nei King Crimson e nei Genesis, ma proprio i Cathedral rappresentano un altro punto di riferimento importante e basta ascoltare il loro lavoro dei seventies per rendersene conto. La collaborazione tra i due musicisti ha fatto emergere un’intesa naturale ed il commovente ricordo di Mattias Olsson tra le note del booklet ne è forse la migliore testimonianza, soprattutto quando dice: “Probabilmente ascolterete questo album come un mucchio di canzoni di progressive rock, ma io lo ascolto più come un’istantanea sonora dell’amicizia che abbiamo condiviso e dell’amore e il rispetto che abbiamo avuto l’uno per l’altro, che ci hanno fatto sentire liberi e sicuri di creare, esplorare e divertirci”.
Il cd è abbastanza breve, dura poco più di trentacinque minuti e, lo diciamo subito, si avverte un lieve senso di incompiutezza. Eppure, nonostante questa sensazione, non esitiamo ad affermare che è bellissimo, che Doncourt ha lasciato un bellissimo testamento musicale e che Olsson può andare fiero di come lo ha portato a termine. Il nome Cathedral si legge sulla copertina e si avverte anche durante l’ascolto, così come inevitabili sono i rimandi agli Anglagard, ma si nota anche come i due musicisti abbiano voluto ampliare gli orizzonti ed andare a inserire soluzioni cinematiche, post-rock, classicheggianti e, in misura minore, elettroniche. La struttura dell’album vede due composizioni ad ampio respiro che viaggiano oltre i dieci minuti, accompagnate da sei brani di durata molto contenuta. Il primo minuto è affidato a “Poppy seeds intro", che è un tema delicato eseguito per l’occasione con voci a cappella e che sarà ripreso dapprima nella successiva “Poppy seeds” attraverso parti strumentali evocative ed in seguito in “Poppies in a field”. “Chamber”, parte con eleganti soluzioni acustiche della chitarra, ma, dopo un cambio di atmosfera con l’entrata drammatica del mellotron, sfocia in un heavy prog robusto che fa venire in mente i King Crimson di “Thrak”. Si arriva così a “#1”, la prima traccia di lunga durata che è l’episodio più legato al prog sinfonico, con parti altisonanti, tastiere che vanno a tutta forza ed un nuovo bellissimo tema che la caratterizza con riprese continue, quando le fughe delle tastiere e nuove spinte crimsoniane si placano un po’. Impressionanti, inoltre, il lavoro di un basso potentissimo (splendidamente suonato da Hampus Nordgren-Hemlin) e le progressioni percussive di Olsson, che sembrano uscite da un disco degli Isldurs Bane. Dopo la tempesta arriva la quiete con “Tower mews”, delicato tassello incentrato sul pianoforte e su campionature, che regala un tocco à la Anthony Phillips. C’è poi “Today”, il brano più stravagante del lotto con un sound particolare, ritmi esotici e la frase “Today I’ll go crazy” ripetuta come un mantra. La citata “Poppies in a field”, riprende subito il tema delle prime due tracce, con tastiere sinfoniche. A seguire, si va avanti, tra stravolgimenti ritmici e di atmosfera e alternanza di melodie e dissonanze, con parti vocali dal vago sapore pop, passaggi dark con echi vandergraafiani, pulsazioni ossessive del basso, soluzioni moderne tra post-rock ed elettronica e le varie riprese del leit-motiv per dodici minuti e mezzo di pura delizia. A conclusione, ecco l’apoteosi di “The last bridge organ”, finale che parte in sordina e che va in crescendo e che potrebbe fare da colonna sonora ad un film fantascientifico.
Insomma, in questo disco troviamo tanto rock sinfonico, tante tastiere, tanto mellotron, inevitabili rimandi a Cathedral, King Crimson, Änglagård e al prog degli anni ’70, un’atmosfera malinconica di fondo, la voglia di esplorare con gli strumenti utilizzati, per quello che è un affascinante affresco moderno del genere a noi caro. Ma soprattutto troviamo tante emozioni per una musica ispirata e per quello che è un tributo sincero ad un artista che, pur con poche pagine, ha lasciato un segno importante nei cuori di tanti appassionati di progressive rock.



Bookmark and Share

 

Peppe Di Spirito

Collegamenti ad altre recensioni

ÄNGLAGÅRD Hybris 1993 
ÄNGLAGÅRD Epilog 1994 
ÄNGLAGÅRD Buried Alive 1996 
ÄNGLAGÅRD Viljans öga 2012 
CATHEDRAL (1) The bridge 2007 
DÖSKALLE Aliver at Copperfields 22 September 2018 2019 
KAUKASUS 'I' 2014 
MOLESOME Dial 2017 
MOLESOME Tom & Tiger 2020 
MOLESOME Are You There? 2021 
NECROMONKEY A glimpse of possible endings 2014 
NECROMONKEY Show me where it hertz 2015 
NECROMONKEY Live at Pianos, NYC 2015 
NECROMONKEY The shadow of the blind man (EP) 2016 
WALRUS (SVE) Walrus 2013 
WESERBERGLAND Sehr kosmisch ganz progisch 2017 

Italian
English