Home
 
NECROMONKEY Live at Pianos, NYC Roth Handle Recordings 2015 SVE

Disco dal vivo in edizione limitata e numerata con sole 151 copie disponibili per i Necromonkey, progetto portato avanti da un paio di anni dal batterista Mattias Olsson, noto per i suoi trascorsi con gli Anglagard e per numerose collaborazioni in ambito prog, e dal tastierista David Lundberg dei Gosta Berling Saga. Circa cinquantacinque minuti di musica per questa registrazione di uno spettacolo newyorkese datato 2014, in cui i due musicisti sono coadiuvati da Einer Baldursson alla chitarra e da Kringle Harmonist al basso. Sei i brani presenti che possono permettere, a chi non si era già avvicinato alla musica dei Necromonkey, di conoscere la proposta di questi svedesi. Ci troviamo di fronte ad un sound che sa essere pomposo e altisonante, ma anche asciutto ed essenziale, a tratti claustrofobico, a tratti pronto ad aprirsi ad atmosfere un po’ rilassate. “Being Pluto” e “Every dead indian”, le prime due tracce del cd, ci lanciano subito verso sonorità particolari, che prevedono slanci space-rock, ritmiche ossessive, effetti elettronici particolari ed anche una certa potenza di fuoco. Difficile trovare punti di riferimento precisi, così come quasi impossibile individuare delle similitudini con i gruppi da cui provengono i musicisti. Se proprio volessimo cercare un paragone, con un po’ di forzatura, potremmo puntare su un altro duo, più vicino a noi: i DAAL di Davide Guidoni e Alfio Costa. Con questi ultimi i Necromonkey condividono una sorta di attitudine verso una ricerca musicale senza barriere, che dà spazio a improvvisazione, che prova a dare una linfa nuova e moderna al rock sinfonico e che in non pochi frangenti sa essere anche opprimente. Tutto questo è avvertibile soprattutto nelle composizioni di più ampia durata ed oltre alle due citate, in questo lavoro, ci sono anche “Knock knock hornet’s nest” e “A glimpse of possible endings” che seguono più o meno la stessa scia. A completare la track list ci sono due pezzi più brevi, “Kinky panda” che nei suoi cinque minuti sembra un misto di hard rock e vecchio Progg svedese, e “The storm”, dalle intriganti atmosfere oniriche che hanno un qualcosa dei Pink Floyd d’annata. Mantenendo il paragone con i DAAL ci sembra che gli svedesi non reggano il confronto; la loro proposta, interamente strumentale, è sicuramente valida, con dinamiche interessanti e alcune intuizioni di un certo spessore, ma presenta anche difetti che non permettono di elevare i giudizi ad altissimi livelli, visto che si avvertono qualche lungaggine di troppo che dà l’impressione che i musicisti non sappiano con esattezza dove andare a parare, un sound a tratti talmente asciutto da sembrare freddo e una registrazione non proprio ottimale. Ci sentiamo di assegnare a questo live una sufficienza anche ampia, ma non di più.



Bookmark and Share

 

Peppe Di spirito

Collegamenti ad altre recensioni

ÄNGLAGÅRD Hybris 1993 
ÄNGLAGÅRD Epilog 1994 
ÄNGLAGÅRD Buried Alive 1996 
ÄNGLAGÅRD Viljars öga 2012 
GÖSTA BERLINGS SAGA Tid är ljud 2006  
GÖSTA BERLINGS SAGA Detta har hänt 2009 
GÖSTA BERLINGS SAGA Glue works 2011 
GÖSTA BERLINGS SAGA Sersophane 2016 
KAUKASUS 'I' 2014 
NECROMONKEY A glimpse of possible endings 2014 
NECROMONKEY Show me where it hertz 2015 
NECROMONKEY The shadow of the blind man (EP) 2016 
WALRUS (SVE) Walrus 2013 

Italian
English