Home
 
FABIO ZUFFANTI Ghiaccio Mellow Records 2010 ITA

Sembrano passati in un batter d’occhio, ma sono ormai trascorsi ben sedici anni da quando i Finisterre si sono affacciati sul mercato discografico con quell’omonimo debutto che ancora oggi fa esaltare i seguaci del progressive. Era il 1994 ed una delle menti di quel gruppo era Fabio Zuffanti, che fino ad oggi è riuscito a sfogare la sua sfrenata creatività in tutti quei numerosi progetti che quasi sempre hanno ottenuto un certo seguito dai progfan (Hostsonaten, Maschera di Cera, Aries, ecc.). Oggi su Zuffanti si potrebbe quasi scrivere un libro… Non un virtuoso del strumento, né un cantante perfetto, Fabio può vantare altre straordinarie qualità. Innanzitutto capacità compositive invidiabili; poi una fantasia fuori dal comune; infine, il fatto che, prima ancora di essere musicista è un appassionato di prog e non solo di prog... Sfruttando le sue doti è riuscito a creare gioielli sia con il gruppo che lo ha lanciato, sia con le numerose altre idee venute man mano durante il prosieguo della sua carriera. Inevitabilmente, anche i suoi album da solista meritano la massima attenzione. All’inizio del 2010 è uscito “Ghiaccio”, con cui viene sviluppato e migliorato il discorso intrapreso con la prova dell’anno precedente del disco omonimo. In questo lavoro Zuffanti canta (mostrando anche una certa maturità vocale), suona tutti gli strumenti e si mostra abbastanza distante da qualsiasi altra opera lo abbia visto protagonista in passato (piccolissime similitudini potrebbero essere viste con l’elettronica dei Quadraphonic o con il progetto Lazona dedito al post-rock); perciò non aspettatevi romanticismo, suoni vintage, parti strumentali ricercate, ecc. Anzi, per assimilare al meglio “Ghiaccio” dovete innanzitutto sgombrare la mente da qualsiasi pregiudizio e non dovete partire alla ricerca di fonti di ispirazione ben precise. Non che non ci siano influenze più o meno marcate; non che Fabio abbia realizzato un qualcosa di nuovo e originalissimo; però sia chiaro fin da subito che se volete del buon vecchio, caro e “sicuro” rock sinfonico questo non è certo il disco che fa per voi. Perché qui ci troverete minimalismo, elettronica, post-rock, cantautorato colto, vagiti canterburiani e moderna psichedelia, miscelati nelle giuste dosi ed in maniera tale da far venire fuori un’opera omogenea e ricca di spunti di valore. E’ incredibile come i timbri algidi scelti per le sue prove soliste riescano ugualmente ad incantare e a trasmettere un’aura fiabesca… Bastano poche note di tastiera, o una lenta e sonnolenta melodia vocale in lontananza, o delle atmosfere brumose, o delle ritmiche ipnotiche per catapultarci d’improvviso in un altro mondo, guidati docilmente e portati per mano dalla musica di Fabio. D’altronde, come si fa a resistere a “Cinque all’alba” (la traccia di chiusura, forse una delle cose più belle mai scritte dall’artista), che ci culla con nenie che fanno avvicinare due mondi apparentemente distanti come quello dei Sigur Ros (“citati” più volte durante l’album) e quello di Robert Wyatt? Negli altri brani continuano ad essere in evidenza i suoni sintetici, collegati spesso alla canzone d’autore e alla sperimentazione, come il miglior Battiato insegna. Insomma, non ci sono costruzioni articolate e complesse, ma un lavoro di base intelligente, a volte basato su pochi accordi, a volte sorretto da una ricerca sonora particolare, e dal quale si sviluppa un album pervaso da un mood malinconico che seduce ed affascina. A questo punto si potrebbe fare qualche elucubrazione su quanto questo cd possa rientrare nell’ambito del progressive… ma… conta davvero? E’ così importante “catalogarlo”? E poi potrei dirvi “sì, è prog!” per poi sentire le proteste di chi la pensa diversamente (e viceversa)… Che Fabio sia una delle possibilità per far aprire gli occhi a chi non riesce ad andare oltre la riproposizione continua di schemi precisi e ormai ultraquarantennali? Che possa trainare chi ha ammirato Finisterre e Hostsonaten ad ascolti più impegnativi, “diversi”, dai quali traspare un’evidente apertura mentale (che spesso manca al famigerato “progfan medio”)? Che abbia individuato una via “diversa” da seguire per arrivare a nuove meraviglie future? Non so se le risposte a queste domande saranno affermative; quello di cui sono assolutamente sicuro è che Zuffanti il suo irrefrenabile talento lo mostra anche con “Ghiaccio”. Hats off!!!


Bookmark and Share

 

Peppe Di Spirito

Collegamenti ad altre recensioni

ARIES Aries 2005 
ARIES Double reign 2010 
CHRISTADORO Christadoro 2017 
FABIO ZUFFANTI & VICTORIA HEWARD Merlin: the Rock Opera 2000 
FINISTERRE Finisterre 1994 
FINISTERRE In limine 1996 
FINISTERRE Ai margini della terra fertile 1997 
FINISTERRE In ogni luogo 1999 
FINISTERRE Storybook 2001 
FINISTERRE Harmony of the spheres 2002 
FINISTERRE La meccanica naturale 2004 
FINISTERRE Memoirs 2014 
HÖSTSONATEN Mirrorgames 1998 
HÖSTSONATEN Springsong 2002 
HÖSTSONATEN Winterthrough 2008 
HÖSTSONATEN Autumnsymphony 2009 
HÖSTSONATEN Summereve 2011 
HÖSTSONATEN The rime of the ancient mariner - Chapter one 2012 
HÖSTSONATEN Symphony n.1: Cupid & Psyche 2016 
L’OMBRA DELLA SERA L’ombra della sera 2012 
LA MASCHERA DI CERA La maschera di cera 2002 
LA MASCHERA DI CERA Il grande labirinto 2003 
LA MASCHERA DI CERA In concerto 2004 
LA MASCHERA DI CERA LuxAde 2006 
LA MASCHERA DI CERA Petali di fuoco 2010 
LA MASCHERA DI CERA Le porte del domani 2013 
LA ZONA Le notti difficili 2002 
QUADRAPHONIC Il giorno sottile 2002 
QUADRAPHONIC Le fabbriche felici 2003 
ROHMER Rohmer 2008 

Italian
English