Home
 
LA ZONA Le notti difficili Mellow 2002 ITA

Quasi simultaneamente a "Il giorno sottile" di Quadraphonic, si materializza un altro Oggetto Volante Non Identificato. In ambedue i casi al timone c'Ŕ l'alieno Zuffanti, ma qui a fargli compagnia troviamo un equipaggio. E che equipaggio: Stefano Marelli, Agostino Macor e Marco Cavani, imprescindibili membri del battaglione-Finisterre. Proprio da tale avventura Ŕ nato il progetto laZona, che ha recuperato un'idea del gruppo madre ampliandola fino a raggiungere i 45 minuti lungo i quali si snoda "Le notti difficili".
Si tratta dunque di una suite suddivisa in quattro parti che vanno in realtÓ a costituire un unicum, dato che si segue uno svolgimento logico e preciso che prevede un progressivo, azzeccato riempimento sonoro che talora si placa per far emergere effettistiche basi sintetizzate, fino alla deflagrazione de "Il sogno della scala" che, nell'ultima traccia, a sua volta si ricompone alla ricerca degli umori di partenza. Il mood generale Ŕ molto dilatato, tipico della psichedelia sperimentale dei Pink Floyd di "Ummagumma", per˛ a me piace scovarci anche gli aromi spirituali de Le Stelle Di Mario Schifano. Altra componente fondamentale Ŕ certo il kraut-rock cosmico ed avanguardistico, con le stimmate dei Can o dei primi Tangerine Dream; tuttavia si deve tenere nel debito conto il ruolo giocato dalla tromba dell'ospite Michele Nastasi (Psychonoesis), capace di accentuare quell'onirismo e quel senso del mistero che avvolgono l'opera. La prima parte, "Solitudini", Ŕ gradevole, rilassante e neppure troppo ostica. Il discorso trova il suo naturale sviluppo ne "Il babau", con la tromba protagonista insieme all'aerea chitarra di Marelli, che ci invita a librarci, corpo e anima, alla ricerca di nuove dimensioni; con l'ingresso della batteria il pezzo si fa decisamente intelligibile anche per chi ama suoni pi¨ "tradizionali". Il climax si raggiunge per˛ nel giÓ citato "Il sogno della scala": l'inizio cupo e ieratico al tempo stesso, dominato dal basso e da cori antichi, lascia pian piano spazio ad una ritmica sempre pi¨ martellante che prelude all'esplosione della chitarra distorta, per offrirci un qualcosa che si pu˛ anche assimilare a certo dark moderno, pregno di suggestioni wave. In tale contesto, fortemente energetico, si integra a meraviglia pure un immaginifico mellotron... Stupendo! Chiude "Equivalenza" col suo impressionismo psichedelico, figlio di un minimalismo sempre curatissimo.
Ogni cervello coinvolto nell'operazione ha dunque fornito un proprio contributo alla causa creativa; oltretutto il gruppo Ŕ ovviamente giÓ affiatato dall'esperienza Finisterre. Ancora una volta i laser di Zuffanti & soci hanno centrato il bersaglio. Ma non fatelo sapere al comandante Straker.

 

Francesco Fabbri

Collegamenti ad altre recensioni

ARIES Aries 2005 
ARIES Double reign 2010 
FABIO ZUFFANTI La quarta vittima 2014 
FABIO ZUFFANTI & VICTORIA HEWARD Merlin: the Rock Opera 2000 
FINISTERRE Finisterre 1994 
FINISTERRE In limine 1996 
FINISTERRE Ai margini della terra fertile 1997 
FINISTERRE In ogni luogo 1999 
FINISTERRE Storybook 2001 
FINISTERRE Harmony of the spheres 2002 
FINISTERRE La meccanica naturale 2004 
FINISTERRE Memoirs 2014 
HÍSTSONATEN Mirrorgames 1998 
HÍSTSONATEN Springsong 2002 
HÍSTSONATEN Autumnsymphony 2009 
HÍSTSONATEN Summereve 2011 
HÍSTSONATEN The rime of the ancient mariner - Chapter one 2012 
HÍSTSONATEN Symphony n.1: Cupid & Psyche 2016 
LĺOMBRA DELLA SERA Lĺombra della sera 2012 
LA MASCHERA DI CERA La maschera di cera 2002 
LA MASCHERA DI CERA Il grande labirinto 2003 
LA MASCHERA DI CERA In concerto 2004 
LA MASCHERA DI CERA LuxAde 2006 
LA MASCHERA DI CERA Petali di fuoco 2010 
LA MASCHERA DI CERA Le porte del domani 2013 
QUADRAPHONIC Il giorno sottile 2002 
QUADRAPHONIC Le fabbriche felici 2003 
ROHMER Rohmer 2008 
ZAAL La lama sottile 2004 
ZAAL Onda quadra 2010 

Italian
English