Home
 
STRANGERS ON A TRAIN The key part 2: the labyrinth SI Music 1993 (Metal Mind 2012) UK

A tre anni di distanza da “The key part 1”, Nolan dà vita alla seconda parte “The labyrinth”, che oggi ci viene riproposta in versione rimasterizzata dall’attivissima Metal Mind. Alla line up dell’esordio si è aggiunta una seconda voce, quella di Alan Reed (Abel Ganz, Pallas), mentre liriche e musiche sono sempre a cura di Clive Nolan.
Se da un lato l’ingresso di un secondo vocalist contribuisce a diversificare il tessuto emozionale dei brani, dall’altro una sempre discreta batteria programmata conferisce maggiore “punch” alle cinque composizioni (tra cui tre suite!!) ed un senso di maggior completezza.
Alla “morigeratezza” del primo album a nome SOAT, il sequel denota un mood più rock e sinfonico, anche se non mancano gli episodi più introspettivi in cui si inseriscono la voce della Hitchings (in primis) e di Reed.
La prima suite “Darkworld “ è specchio fedele di quanto detto. L’unico strumentale, “Hijah”, ci mostra tutte le capacità di Nolan, qui unico protagonista del pezzo. La title track (divisa in tre parti) vede nella prima splendida sezione un duetto continuo tra la voce femminile e chitarra acustica di Karl Groom, una breve seconda “tranche” di semplice narrazione ed un crescendo finale strumentale per la terza parte.
“The vision clears” è l’episodio “easy” dell’album che introduce la lunga piéce finale: “Endzone”. La soffusa introduzione, poi l’ingresso della voce di Reed, poi quella della singer , la chitarra acustica e le tastiere in sottofondo: l’atmosfera si mantiene eterea, come sospesa (Enya?). Nonostante ciò è comunque un’occasione persa ed il pezzo non decolla mai tranne che negli ultimi due minuti. Troppo poco.
“The labyrinth” si fa senz’altro preferire a “The prophecy”, vuoi per una maggiore complessità, vuoi per una maggiore diversificazione del sound ed anche per la presenza del secondo vocalist ad alternarsi con la Hitchings, risultando nel complesso di piacevole ascolto.
A venti anni dalla loro prima pubblicazione risultano però entrambi “superati”, magari più di album usciti molto prima di questi due “The key”. Ciò non toglie che l’operazione Metal Mind sia comunque meritoria e magari faccia da apripista al volume tre che era negli intenti della band all’epoca.


Bookmark and Share
 

Valentino Butti

Collegamenti ad altre recensioni

ARENA Songs from the lions cage 1995 
ARENA Pride 1996 
ARENA Welcome to the stage 1997 
ARENA The cry 1997 
ARENA The visitor 1998 
ARENA Immortal? 2000 
ARENA Breakfast in Biarritz 2001 
ARENA Contagion 2003 
ARENA Pepper's ghost 2005 
ARENA Smoke & mirrors (DVD) 2006 
ARENA Rapture (DVD) 2013 
ARENA XX (DVD) 2016 
CAAMORA Walk on water (EP) 2007 
CAAMORA She 2008 
CAAMORA She (DVD) 2008 
CAAMORA Journey's end… an acoustic anthology 2008 
CASINO Casino 1992 
CLIVE NOLAN Alchemy live (DVD) 2013 
CLIVE NOLAN Alchemy: Acts I - II 2013 
CLIVE NOLAN & OLIVER WAKEMAN The hound of the Baskervilles 2002 
NEO (UK) Broadcast (DVD) 2007 
NICK BARRETT & CLIVE NOLAN A rush of adrenaline (DVD) 2005 
PENDRAGON The World 1991 
PENDRAGON The window of life 1993 
PENDRAGON Fallen dreams and angels (EP) 1994 
PENDRAGON Utrecht... the final frontier 1995 
PENDRAGON The masquerade overture 1996 
PENDRAGON Live in Krakow 1996 1997 
PENDRAGON Not of this world 2001 
PENDRAGON Acoustically challenged 2002 
PENDRAGON Believe 2005 
PENDRAGON And now everybody to the stage (DVD) 2006 
PENDRAGON Past and presence (DVD) 2007 
PENDRAGON Pure 2008 
PENDRAGON Concerto Maximo (DVD) 2009 
PENDRAGON Passion 2011 
PENDRAGON Out of order comes chaos (DVD) 2012 
PENDRAGON Masquerade 20 (DVD) 2017 
SHADOWLAND Ring of roses 1992 
SHADOWLAND Through the looking glass 1994 
SHADOWLAND Dreams of the ferryman (EP) 1994 
SHADOWLAND Mad as a hatter 1996 
SHADOWLAND Edge of night (DVD) 2009 
STRANGERS ON A TRAIN The key part 1: the prophecy 1990 (Metal Mind 2012) 
STRANGERS ON A TRAIN The key part 2: the labyrinth 1993 (Verglas 1999) 
TRACY HITCHINGS From ignorance to ecstasy 1991 

Italian
English